Cosa serve per aprire un e-commerce?

Cosa serve per aprire un e-commerce?

Quali sono gli obblighi e gli adempimenti da seguire per aprire un sito di e-commerce? Facciamo il punto su cosa serve per aprire un negozio sul web ed id iniziare a vendere online.

Gli e-commerce stanno modificando le esperienze di acquisto degli utenti e questo è un dato che non si può sottovalutare, soprattutto per le aziende che si occupano della vendita di prodotti. Stiamo parlando di un settore in forte espansione sia per quanto riguarda il settore business to consumer che per ciò che concerne l’ambito business to business.

Utilizzare un e-commerce per acquistare dei prodotti in rete significa compiere una procedura semplice e sicura, per avere a disposizione ciò che si desidera in qualsiasi luogo, semplicemente usando un dispositivo digitale, anche in mobilità.

Che cos’è un e-commerce?
Cosa serve per aprire un e-commerce?
Come realizzare un sito e-commerce
Crea il tuo sito e-commerce con Register.it
Quanto costa un e-commerce?

Che cos’è un e-commerce?

Un e-commerce è un’attività in rete che consente di vendere e acquistare prodotti o servizi. I clienti di uno shop online possono fare acquisti direttamente da un computer, anche da casa, oppure utilizzando un dispositivo mobile, come uno smartphone o un tablet.

Per un’azienda che vende prodotti avere un e-commerce può portare numerosi vantaggi, dalla possibilità di differenziarsi rispetto ai concorrenti all’opportunità di raggiungere un grande numero di clienti in tutto il mondo. Si possono ridurre i costi e allo stesso tempo si può mantenere un numero minore di negozi fisici distribuiti sul territorio.

Leggi anche: “I vantaggi di avere un e-commerce

Cosa serve per aprire un e-commerce?

Aprire un negozio online significa innanzitutto studiare una precisa strategia, individuando tutte le caratteristiche del mercato di riferimento. Bisogna per prima cosa mettere a punto un progetto di business che si vuole portare avanti, trovando anche il target principale e specializzandosi eventualmente su alcuni prodotti o servizi, con l’obiettivo di trovare una risposta a specifiche esigenze da parte dei clienti o dei potenziali clienti.

Per aprire un e-commerce bisogna inoltre far fronte ad alcuni adempimenti: non ci si può infatti improvvisare e occorre di mettersi in regola sotto il profilo fiscale fin dai primi passi.

Ma quali sono le pratiche burocratiche e gli adempimenti da mettere a punto per aprire un e-commerce?

Ecco i requisiti e gli step da seguire per aprire un negozio online:

Essere maggiorenni

Avere un e-commerce è un business a tutti gli effetti e, come da normativa, per svolgere una qualsiasi attività professionale o imprenditoriale è necessario essere maggiorenni.

Scegliere la forma giuridica della società titolare dell’e-commerce

Di solito i grandi e-commerce vengono costituiti come società a responsabilità limitata o società per azioni, che, essendo società di capitali, hanno un capitale distinto rispetto a quello dei soci e degli amministratori.

Chi invece vuole aprire un negozio online di piccole dimensioni potrebbe costituire un’impresa individuale o una società a responsabilità limitata semplificata, che ha il vantaggio di poter essere costituita con solo 1 euro di capitale sociale.

Se l’idea alla base del proprio progetto di e-commerce è molto innovativa è possibile chiedere alla Camera di Commercio di essere iscritti al registro delle start up innovative, beneficiando di un regime di favore.

Aprire una partita IVA dedicata, iscriversi alla Camera di Commercio e presentare la S.C.I.A.

Per essere in regola nell’aprire un negozio online, se si vuole portare avanti l’attività in maniera continuativa è necessario essere in possesso della partita IVA. Non solo, è anche necessario essere iscritti al registro delle imprese presso la Camera di Commercio del Comune in cui la ditta/società ha sede legale.

Si procede poi con la presentazione della S.C.I.A (acronimo di segnalazione certificata di inizio attività) indicando indirizzo web del sito di e-commerce in questione e allegando una autocertificazione in cui viene specificato di possedere i requisiti morali e professionali previsti dalla legge. Non può infatti aprire un e-commerce chi è stato dichiarato delinquente abituali o chi ha riportato una condanna per la quale è prevista una pena detentiva non inferiore a 3 anni.

Avere un indirizzo di Posta Elettronica Certificata

Per aprire un negozio online è necessario essere in possesso di una PEC ovvero di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata. Si tratta di un indirizzo email che ha lo stesso valore legale della raccomandata con ricevuta di ritorno.

Le comunicazioni scambiate tramite PEC sono analoghe all’invio di raccomandate. La PEC, infatti, a differenza della normale posta elettronica, certifica la trasmissione e l’avvenuta consegna del messaggio e garantisce l’integrità del contenuto.

Nell’ambito dell’e-commerce avere una PEC servirà per tutte le comunicazioni di carattere amministrativo e fiscale con la pubblica amministrazione.

Essere in regola con CGV, Cookie Policy e Privacy Policy

Oltre agli adempimenti e agli obblighi precedentemente elencati è necessario prevedere delle apposite pagine relative alle Condizioni Generali di Vendita, alla Cookie Policy e alla Privacy Policy che dovranno informare l’utente su come vengono raccolti e gestiti i dati forniti durante la navigazione.

Un sito di e-commerce, infatti, deve regolarmente avere:

  • le Condizioni Generali di Vendita in cui vengono esplicitati i diritti e i doveri dell’utente;
  • la Privacy Policy che spiega come vengono trattati i dati personali dell’utente;
  • la Cookie Policy che descrive che tipo di cookie vengono rilasciati dal sito in ottemperanza del GDPR.

Leggi anche: “Privacy Policy e sito web. Buone pratiche e consigli utili per essere in regola col GDPR.

Come realizzare un sito e-commerce

Per realizzare un sito e-commerce sarebbe bene farsi aiutare da degli esperti del settore. È consigliabile, infatti, affidare il lavoro ad una web agency con professionisti specializzati che possono aiutare l’azienda nella creazione del progetto web, dalla definizione degli obiettivi di business fino alla creazione dell’e-commerce vera e propria.

Il primo passaggio è, quindi, quello di contattare un consulente e di raccontare il progetto che si vuole realizzare. Successivamente gli esperti metteranno a punto la piattaforma e imposteranno l’e-commerce in base alle indicazioni fornite.

Dal punto di vista tecnico è fondamentale innanzitutto registrare il dominio internet, scegliendolo adeguatamente in base al brand o alla tipologia di prodotti che intendiamo vendere.

Leggi anche “Le 10 regole per scegliere il dominio giusto

Bisogna poi scegliere l’hosting sul quale andranno inseriti tutti i file del sito o una piattaforma e-commerce su cui realizzare il proprio e-shop. È importante che il sito sia professionale e sicuro, contando sia un sistema che permetta agli utenti di pagare in modo protetto, grazie alla presenza di un certificato SSL che consente la trasmissione di informazioni in modo sicuro.  

Leggi anche “Perché avere un certificato SSL

Crea il tuo sito e-commerce con Register.it

Register.it mette a disposizione diverse soluzioni per permettere la creazione di un sito e-commerce in maniera semplice e veloce. È possibile affidarsi al lavoro degli esperti  per la creazione veloce di un portale vi vendita online, oppure si può fare tutto in autonomia con la soluzione Simply Shop.

Esistono piani e-commerce pensati per ogni esigenza, dallo Starter, per chi vuole iniziare a vendere online con un piccolo negozio online, al Professional con strumenti più avanzati, al Premium per la creazione e la gestione di e-commerce di grandi dimensioni.

Con le soluzioni e-commerce di Register.it è possibile creare uno stile unico, scegliendo le immagini e i testi e mettere a punto siti responsive che si adattano automaticamente a tutti i dispositivi. Inoltre, è possibile analizzare il traffico e gli acquisti e tracciare le campagne, per misurare il rendimento delle vendite.

Quanto costa un e-commerce?

I costi di un e-commerce possono variare notevolmente in base alla grandezza del sito da realizzare, alle funzionalità integrate.

Leggi anche: “Quanto costa un sito e-commerce?

Su Register.it ci sono molte opzioni fra cui scegliere.

Se si decide di realizzare il proprio sito di e-commerce in totale autonomia tramite Simply Shop i costi vanno da 12,90 € al mese per la soluzione Starter fino a 42,90 al mese per Simply Shop Premium che permette di creare pagine illimitate per vendere sul web fino a 70.000 prodotti.

Se invece si decide di affidare la realizzazione del sito di e-commerce a professionisti esperti il prezzo parte da 970,00 € per il primo anno con un canone di mantenimento al rinnovo di 299,00 € all’anno.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto