6 consigli per un sito “SEO friendly”

Sapevi che il 91% dei contenuti web non riceve traffico da Google? (Fonte: ahrefs)

Mentre le tecniche di marketing come campagne pubblicitarie a pagamento, blogging, email marketing e altro ancora, possono aiutare ad aumentare la consapevolezza e stabilire l’autorità, se non adeguatamente ottimizzate, creano il rischio di far perdere una grande fetta di traffico SEO.

I numeri non mentono! Se si vuole arrivare in cima ai risultati di ricerca, allora avere solo contenuti ben scritti e coinvolgenti non basta. È necessario concentrarsi sulla creazione di contenuti con caratteristiche SEO e dotati di parole chiave che attraggono il giusto tipo di traffico web.

Leggi anche “Come scrivere sul web (per gli utenti e per la SEO)”

Consigli per creare un sito “Seo Friendly”

I siti ottimizzati per i motori di ricerca sono 13 volte più propensi a vedere un ROI positivo. (Fonte Hubspot) Oggi, molte aziende capiscono l’importanza della SEO per il proprio sito web ma non sempre riescono ad avere un buon posizionamento sui risultati dei motori di ricerca. Di seguito sono elencati sei consigli essenziali su come creare un sito ottimizzato per la SEO.

1. Identifica parole chiave appropriate

Prima di iniziare a scrivere, fai una semplice ricerca per parole chiave sull’argomento su cui hai intenzione di scrivere. Per superare la concorrenza sfrenata di questo settore, scegli parole chiave e frasi specifiche che i tuoi clienti stanno cercando.

Il 50% delle ricerche sono composte da quattro o più parole. Ecco alcuni suggerimenti per identificare le parole chiave per i tuoi articoli:

  • Accedi alle piattaforme di social network che il tuo target di riferimento frequenta e scopri le tendenze.
  • Controlla Google Trends per avere un’idea di quali parole chiave sono più popolari in un dato momento. Se le ricerche di una parola chiave specifica mostrano un peggioramento, allora sarebbe probabilmente meglio evitarla.
  • Segui i tuoi competitor per trovare ispirazione quando hai poche idee per le parole chiave. Strumenti come SEMrush ti consentono di vedere le parole chiave per le quali i tuoi concorrenti si stanno proponendo.

Mentre cerchi di ottimizzare il tuo blog con parole chiave a coda lunga “long tail” che funzionano, non lasciare che tutte le altre o a coda corta ti sfuggano di vista. Per un successo costante e a lungo termine, avere un equilibrio di entrambe le categorie può aiutare la tua azienda a crescere e posizionarsi sulla prima pagina dei risultati di ricerca.

2. Integra le parole chiave nei tuoi testi

Una volta che hai l’elenco delle parole chiave richieste, è il momento di integrarle nei testi del tuo sitoo de tuo blog. Ricordati di tenere a mente il tuo target di utenti. Avrai bisogno di fare brainstorming per argomenti che coinvolgono, educano e (forse) intrattengono il tuo pubblico. Quando si scrive, bisogna assicurarsi che la parola chiave interessata sia ben distribuita in tutto il post.
Dovrebbe idealmente apparire in questi punti chiave:

  • Titolo
  • Intestazioni
  • URL, se possibile
  • Nell’alt-text per le immagini (i motori di ricerca non leggono le immagini)
  • Metadescrizioni
  • Nel contenuto effettivo

Tuttavia, tieni presente che stai scrivendo per le persone e non per i motori di ricerca. Crea l’articolo in un modo che coinvolga il lettore e  che fornisca valore. Evita l’uso eccessivo delle parole chiave (noto anche come ‘keyword stuffing’) nei post.

Ciò non solo sacrificherà la qualità dell’articolo, ma potrebbe anche portare a penalizzare o bandire temporaneamente o definitivamente il tuo sito web dalle pagine dei risultati dei motori di ricerca.

3. Aggiungi link a siti web rilevanti

Quando scrivi, includi nel tuo articolo dei link a contenuti esterni. Il collegamento non solo offre ai lettori del blog un ulteriore materiale di lettura per ampliare le loro conoscenze, ma mostra anche a Google che avete condotto le vostre ricerche in maniera corretta.

Un post di un blog che si possa definire ben fatto è quello che contiene dati concreti provenienti da siti web influenti. Non c’è niente di meglio di un articolo di un blog ben studiato e basato sui dati veritieri. Statistiche convincenti aiutano a rafforzare il blog con argomenti concreti e costruiscono un post convincente per i lettori.

4. Scrivi testi lunghi e approfonditi

I motori di ricerca preferiscono testi lunghi e approfonditi. Più è lungo il tuo articolo, maggiore è la possibilità che appaia nei migliori risultati dei motori di ricerca. L’unica sfida qui è l’attenzione del lettore… i testi lunghi possono spaventare i tuoi lettori e portarli ad abbandonare la pagina.

Una possibile soluzione è quella di scrivere messaggi “facili da digerire”. Ecco qualche consiglio:

  • Stringi e accorcia le frasi
  • Mantieni i paragrafi ad un massimo di 2-3 frasi
  • Aggiungi immagini, video…
  • Usa elenchi puntati e sottovoci significative che catturano l’attenzione dell’utente

5. Insersci link ad altre pagine del tuo sito o ad articoli del tuo blog

L’aggiunta di link interni ad altri contenuti di valore sul tuo sito aiuterà ad aumentare la durata della permanenza del lettore, riducendo la frequenza di rimbalzo e aumentando il potenziale di conversione.

Una buona pratica è l’uso di un linguaggio naturale come testo di riferimento. Usa parole chiave più descrittive che danno ai lettori un senso di ciò che troveranno quando cliccano sul collegamento ipertestuale.

Uno dei modi per farlo efficacemente è utilizzare un nome a dominio su una nuova estensione. In questo modo le parole chiave del tuo testo di ancoraggio corrisponderanno alle parole chiave dell’indirizzo web, conferendo un ulteriore spinta di SEO al tuo contenuto.

6. Ottimizza le immagini per un caricamento veloce

Le immagini di grandi dimensioni richiedono tempi di caricamento più lunghi. Questo comporta un rallentamento della pagina. Se la foto inserita è troppo grande il tempo di attesa per visualizzare la pagina si prolungherà con conseguente aumento del tasso di rimbalzo o perdita di interesse.

rankingCoach, il tuo coach virtuale per la SEO

Essere presenti e visibili sui motori di ricerca e un passo necessario per ogni tipo di sito per farsi conoscere online, aumentare la notorietà del brand, trovare nuovi clienti e aumentare le vendite.

Come abbiamo visto comparire nei risultati di ricerca di Google per delle keyword correlate alla propria attività richiede dedizione e allenamento…. Fatti aiutare da rankingCoach, lo strumento di web marketing che aiuta nell’ottimizzazione del tuo sito web.

RankingCoach, è un vero e proprio coach virtuale che ti guida passo dopo passo per migliorare la tua visibilità e il tuo posizionamento online.

Con rankingCoach non devi essere un esperto SEO, ti basterà seguire i suoi consigli per ottimizzare le tue pagine al meglio e superare i tuoi concorrenti!

Attivalo subito  per un mese su Register.it e scopri com’è semplice, con l’aiuto del tuo coach personale, migliorare la tua visibilità online sui motori di ricerca.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto