PEC, in arrivo l’obbligo per gli automobilisti

PEC, in arrivo l’obbligo per gli automobilisti

Il nuovo Codice della Strada introdurrà l’obbligo per il proprietario del veicolo, di comunicare un indirizzo PEC su cui ricevere le comunicazioni relative alle violazioni commesse.

Presto dovremmo dire addio alle tanto temute buste verdi delle multe stradali. Entro la fine dell’anno infatti le contravvenzioni stradali non arriveranno più in formato cartaceo ma saranno elettroniche e arriveranno sulla Posta Elettronica Certificata.

Questa è una della novità inserite nelle tre proposte di legge che il CNEL, il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro ha presentato alla Camera per migliorare la sicurezza stradale.

Vediamo i dettagli di questa novità che, se verrà approvata, andrà a modificare il nostro Codice della Strada.

PEC obbligatoria per gli automobilisti

Tra le recenti proposte che il CNEL ha sottoposto all’attenzione della Camera dei deputati ce n’è una che prevede l’obbligo per chi possiede un qualsiasi veicolo di dotarsi e comunicare l’indirizzo di una casella di Posta Elettronica Certificata.

La proposta riguarda la modifica dell’articolo 80 del Codice della Strada e prevede quanto segue:

«All’atto dell’immatricolazione dei veicoli, ovvero della revisione periodica degli stessi, il proprietario comunica il proprio indirizzo di posta elettronica certificata ai fini delle notificazioni di cui all’articolo 201 ed alle disposizioni del decreto interministeriale 18 dicembre 2017»

Si tratta di una vera e propria rivoluzione che, come specifica il CNEL, renderà più veloci e meno dispendiose le attività di notifica delle violazioni commesse ma c’è anche chi non ha accolto di buon grado la notizia rimanendo scettico sulla possibilità di sostituire un indirizzo reale con un indirizzo digitale.

Multe via PEC: vantaggi e svantaggi

Come abbiamo visto nell’articolo “PEC, la situazione a 10 anni dall’obbligo” la PEC ha lo stesso valore della raccomandata A/R, certifica la trasmissione e la consegna del messaggio e ne garantisce l’integrità del contenuto.

Queste caratteristiche fanno della PEC lo strumento ideale per l’invio della notifica delle violazioni del Codice della Strada.

Velocità, sicurezza, risparmio e protezione da virus sono alcuni degli inconfutabili vantaggi della PEC che avevamo già sottolineato in un articolo precedente.

Nel contesto dell’invio delle multe stradali emergono anche altri vantaggi significativi:

  • Niente più fila alla posta per ritirare una contravvenzione.
  • Risparmio delle spese di spedizione che si aggiungono alla sanzione da pagare.

Accanto agli innumerevoli vantaggi, la notifica dei verbali a mezzo PEC comporta anche un piccolo svantaggio: l’Invio della contravvenzione nella casella PEC equivale alla notifica di un atto e non potrà essere ignorato dall’automobilista.

Multa via PEC: quando si considera arrivata

Per il comando di polizia la notifica del verbale di contestazione si considera effettuata nel momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna del messaggio PEC, anche se il destinatario non apre o non visualizza in messaggio.

Ne consegue che l’automobilista dovrà prendere l’abitudine di consultare la propria casella di Posta Elettronica Certificata quotidianamente per verificare l’invio di eventuali notifiche, avere il tempo necessario di pagare le multe senza incorrere in ulteriori sanzioni e magari usufruire dello sconto del 30% previsto per chi chiude la contravvenzione entro cinque giorni dalla notifica.

A questo piccolo svantaggio viene incontro la soluzione PEC di Register.it che comprende la notifica via SMS dei messaggi ricevuti. Questa funzionalità, una volta attivata avviserà il destinatario con un SMS alla ricezione di un nuovo messaggio PEC, liberandolo dalla necessità di controllare sempre la propria casella di Posta Elettronica Certificata.

PEC per automobilisti, quando entrerà in vigore?

Non c’è ancora una data ufficiale sull’effettiva entrata in vigore delle novità: il ddl del CNEL che prevede la modifica dell’articolo 80 del Codice della Strada è al vaglio della Camera e seguirà il regolare iter legislativo.

Forse ci saranno poi anche dei “tempi tecnici” per consentire alle nuove procedure di entrare a pieno regime. In ogni caso gli Agenti di Polizia Municipale non muteranno le proprie prassi fino a quando non riceveranno specifiche indicazioni dallo stesso Ministero o dai vari Comandi dei corpi di polizia locale.

Condividi

Un commento su “PEC, in arrivo l’obbligo per gli automobilisti

  1. Certo la PEC consente di risparmiare sui costi di notifica e velocizzare le pratiche, ma è chi guida un veicolo (cioè il cittadino) a doversi pagare la PEC. Quindi, per quanto ne so, non saranno certo i costi di chi possiede un veicolo ad essere semplificati! Di questo passo introdurranno la patente obbligatoria anche per guidare la bici: lo hanno già fatto per i ciclomotori dando il colpo di grazia al mercato dei motorini, perché i 14enni aspettano oramai di compiere i 16 anni per acquistare direttamente un veicolo 125 cc…La Malaguti, storica azienda italiana produttrice di ciclomotori, ha chiuso i battenti qualche anno fa…Se io fossi un produttore di biciclette non starei affatto sereno…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto