Fattura elettronica per l’estero, cosa fare con i clienti stranieri

Fattura elettronica verso l’estero: obbligo, vantaggi e modalità

Il 1° luglio 2022 andrà in pensione l’esterometro e per l’emissione di fatture verso clienti non residenti in Italia si dovrà obbligatoriamente utilizzare la fatturazione elettronica.

Il 1° luglio 2022 si avvicina e, con lui, arrivano anche gli annunciati nuovi obblighi in materia di fatturazione elettronica. Il 1° luglio è infatti la data in cui la fattura elettronica diventerà obbligatoria per i contribuenti in regime forfettario e la data in cui verrà abolito l’esterometro per le operazioni transfrontaliere, ovvero per tutte quelle transazioni che avvengono tra operatori economici stabiliti nel territorio italiano e soggetti che non risiedono all’interno dello Stato italiano. 

In vista di questa importante novità, facciamo un po’ di chiarezza sull’emissione delle fatture verso clienti non residenti in Italia e come affrontare e gestire l’abolizione dell’esterometro.

Cos’è l’esterometro?

L’esterometro è un adempimento introdotto a partire dal 1° gennaio 2019, contestualmente all’obbligo di fatturazione elettronica fra privati. Si tratta di una comunicazione telematica che riepiloga le fatture emesse e ricevute con soggetti non stabiliti nel territorio italiano.

A partire dal 2019, quindi, tutte le imprese italiane che lavorano con clienti esteri hanno potuto continuare emettere fatture in formato cartaceo comunicando i dati mediante l’esterometro con cadenza trimestrale oppure scegliere di adottare la fatturazione elettronica anche nei confronti di tali soggetti.

Lo scopo dell’esterometro è, infatti, quello di fornire all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle operazioni che non sono soggette ancora all’obbligo di fatturazione elettronica e quindi non transitano attraverso il Sistema di Interscambio (SDI). 

Fattura elettronica per l’estero. Le novità dal 1° luglio 2022

Il 1° luglio 2022 l’eterometro andrà in pensione e per l’emissione di fatture verso clienti non residenti in Italia si dovrà obbligatoriamente utilizzare la fatturazione elettronica.

Inizialmente la Legge di Bilancio 2021 aveva indicato il 1° gennaio 2022 come data per l’abolizione della comunicazione delle operazioni transfrontaliere. Successivamente, un emendamento al Decreto Fisco Lavoro collegato alla Legge di bilancio 2022 ha fatto slittare l’abolizione dell’esterometro di 6 mesi fissando il 1° luglio 2022 come data in cui entreranno in vigore le nuove modalità di comunicazione delle operazioni transfrontaliere.

A breve si passerà quindi all’obbligo di fatturazione elettronica per le operazioni con soggetti non stabiliti nel territorio italiano. Sono moltissime le aziende italiane che utilizzano l’esterometro e che dovranno presto abbandonarlo in favore della fatturazione elettronica. 

Fattura elettronica per l’estero. Il calendario degli adempimenti 2022

Operazioni transfrontaliere effettuate fino al 30 giugno 2022

Fino al 30 giugno 2022 non cambierà nulla. Chi emette o riceve fatture con soggetti non stabiliti all’interno dello Stato italiano dovrà continuare a trasmettere i dati all’Agenzia delle Entrate mediante esterometro con periodicità trimestrale.

Restano escluse da tale obbligo le operazioni per le quali sia stata emessa una bolletta doganale e quelle per cui è emessa o ricevuta una fattura elettronica.

Operazioni transfrontaliere effettuate dal 1° luglio 2022

Dal 1° luglio 2022 per l’invio dei dati relativi ad operazioni verso soggetti esteri occorrerà obbligatoriamente utilizzare la Fatturazione Elettronica trasmettendo i tracciati XML tramite il Sistema di interscambio dell’Agenzia delle Entrate.

  • Per le fatture transfrontaliere attive si deve emettere fattura elettronica valorizzando il campo “codice destinatario” con “XXXXXXX”.
  • Per le fatture transfrontaliere passive, il contribuente italiano dovrà generare un documento elettronico di tipo TD17, TD18 e TD19, da trasmettere al Sistema di Interscambio.

Fattura Elettronica, scegli Register.it!

Cerchi una soluzione sicura e completa per emettere fatture elettroniche?

Il servizio di Fatturazione Elettronica  di Register.it è completo e semplice da usare, svolge in automatico tutte le interazioni previste con l’Agenzia delle Entrate e consente di gestire e monitorare tutti gli step di fatturazione da un unico ambiente: dalla creazione della fattura alla trasmissione del documento al Sistema di Interscambio, fino alla conservazione a norma di legge.

La Fatturazione Elettronica di Register.it gratis per 6 mesi, senza alcun software di installazione, ed è perfetto anche per chi ha già un servizio di fattura elettronica perché consente di importare e conservare nel nuovo sistema tutte le fatture già emesse.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto